Degustazione Fuoco Rosa

fuoco rosa

Nulla è stato lasciato al caso nel progetto di questa bottiglia di Fuoco Rosa.

Un’edizione limitata con una dedica speciale ad omaggiare qualcuno che ha creduto in questa azienda e nel territorio di cui è espressione.

A volte, però, l’accidentalità delle vicende umane porta ad aggiungere ulteriore pregnanza di significato e valore alle nuove intraprese: è quanto accaduto col rosato “Fuoco Rosa”, caparbiamente imbottigliato nel mese di aprile del 2020! Non sappiamo come Vittorio avrebbe raccontato il surreale vissuto in questi mesi, magari con gli stessi dattiloscritti di questa particolare etichetta, ma di sicuro il suo orgoglio ed immancabile entusiasmo avrebbero spinto a non mollare e ad andare avanti.

La vinificazione di “Fuoco Rosa” parte dal sapiente assemblaggio delle migliori uve di negroamaro e di susumaniello, vitigni storici della vitivinicultura brindisina, sottoposte a pigiatura soffice con bassa resa; il mosto fiore viene quindi separato e subito pulito a freddo in modo statico e naturale.

Caratteristiche

Il vino Fuoco Rosa si impone allo sguardo per la sua luce cristallina, con colore rosa tenue che vira verso un delicato ed elegantissimo rosa antico, grazie alla particolare nuance ramata. Naso dalla particolare gentilezza, leggiadro e freschissimo. L’ingresso svela un intreccio floreale di petali di rosa, ciclamino, oleandro, un concerto poi di note di frutto che insistono sugli agrumi – bergamotto, pompelmo rosa – succo di melograno, lampone; arriva infine a rinfrescare un gioco di erbe aromatiche come il timo, la salvia, uno sbuffo d’anice appagante, ricordi mediterranei di lavanda.

L’assaggio palesa un equilibrio assoluto, con una nitida freschezza ed una sapidità ben centrata che rendono la beva appagante; riecheggiano i toni agrumati, ed un nuovo richiamo di speziatura e di salmastro danno ulteriore dinamicità al sorso. Il finale accenna ad un guizzo amarognolo, tipico del varietale, che accompagna la buona persistenza. E’ un vino dall’identità precisa e particolare, una tiratura limitata molto ben riuscita che coniuga la territorialità del rosato brindisino con l’eleganza e la piacevolezza di beva cara anche a palati più lontani. Non ci stupiremmo se questa “prova d’artista” vada in futuro a costituire una linea ben definita di Tenute Lu Spada.

Abbinamenti

Il vino rosato accompagna tradizionalmente i piatti della cucina brindisina. Di seguito alcuni abbinamenti proposti che reggono la buona struttura di “Fuoco Rosa”.

  • Cavatelli con ceci e frutti di mare.
  • Spaghetti con tonno, limone e rucola
  • Polipetti in pignata
  • Parmigiana di zucchine e patate
  • Linguine alla polpa di riccio
  • Alici in tortiera
  • Zuppa di pesce alla brindisina

Per acquistarlo clicca qui.

Recensione di Giuseppe Rollo